La tecnologia e l’utilizzo dei faretti Led

I faretti led sono dei componenti elettronici che, a differenza delle lampadine fluorescenti o di quelle incandescenti, non si servono ne di filamenti ne di gas per emettere luce, bensì utilizzano dei semiconduttori.

La tecnologia LED, acronimo di Light Emitting Diodes, può considerarsi l’ultima frontiera dell’illuminazione a freddo, sostenibile e a basso consumo, con un risparmio decisamente superiore alle lampadine al neon.

Gli impieghi che possono trovare i faretti al led sono pressoché infiniti: dall’illuminazione delle case private all’illuminazione pubblica nei ristoranti, nei negozi, negli uffici o nei centri commerciali.

I faretti al led risultano ideali per essere impiegati anche nell’illuminazione del frigorifero in quanto non emettono ne raggi ultravioletti ne raggi infrarossi.

Inoltre la superficie non si surriscalda come nelle tradizionali lampadine e questo garantisce una maggiore sicurezza.

Il progresso raggiunto grazie alla tecnologia applicata ai faretti led permette un risparmio energetico finora inimmaginabile. Per comprendere meglio a quale risparmio energetico va incontro chi utilizza i faretti al led basta confrontare i consumi delle classiche lampadine finora utilizzate.

Per esempio, una luce incandescente o una luce fluorescente impiegata in media per 6 ore al giorno, consumano in un anno circa 90 KWh, mentre i faretti al led circa il 39% in meno.

I vantaggi non consistono soltanto nel risparmio di energia elettrica ma anche nella durata stessa dei faretti al led.

Se pensiamo che la durata media di una lampadina fluorescente è di circa 6000 ore e quella di una lampadina incandescente è di circa 1400 ore, quella al led supera le 8300 ore.

I faretti al led hanno anche un impiego particolarmente indicato come luce da arredamento che valorizza esteticamente l’ambiente dove vengono collocati.

Per esempio sono luci che possono essere anche calpestate nel caso in cui siano utilizzate come luci di illuminazione nelle pavimentazioni esterne da giardino, o su un viale.

La particolarità che li contraddistingue è che sono formati da una lamiera metallica che può essere decorata e diventare un componente d’ arredamento sia in stile classico che moderno, in particolare in cucina (faretti al led incastonati nel muro) oppure nel bagno, dove possono illumiare egregiamente sia l’ intero ambiente che la zona specchio. La scelta può variare tra luce bianca fredda, calda o colorata che fa atmosfera.

Riguardo alla potenza dell’illuminazione si tratta di un’efficienza luminosa ad alta prestazione, nel senso che il rapporto che c’è tra la luce in entrata della struttura interna del faretto e la resa all’esterno corrisponde a più del doppio di una lampadina fluorescente o ad incandescenza.

Utilizzare i faretti al led vuol dire anche rispettare l’ambiente e preservare danni alla salute. I faretti al led non producono inquinamento in quanto sono costruiti con polvere di silicio e non contengono ne gas nocivi ne dispersioni metalliche o pericolo di esalazioni di vapori di sodio. Infine non emette raggi UV dannosi per la pelle a seguito di lunghe esposizioni nel tempo, e non emettono raggi infrarossi dannosi per la vista.

Insomma l’uso dei faretti al led presuppone una lunga serie di vantaggi da sfruttare e mettere in pratica sia per la sostenibilità che per il rendimento decisamente economico.

 

Leave a Reply